Palazzo Archinto_percorso “Milano Attraverso”

LUIGI DODI – 1967

Di origine quattrocentesca, il palazzo fu ricostruito nel XVIII secolo dagli Archinto che ne commissionarono le decorazioni ad affresco a Giovan Battista Tiepolo. Colpito dai bombardamenti del 1943, venne ricostruito da Luigi Dodi nel secondo dopoguerra. A testimonianza dell’originario assetto settecentesco, l’edificio conserva i cortili interni e la loggia terrazzata, ornata dalla più antica pianta di glicine di Milano.

Oggi palazzo Archinto appartiene all’Azienda di servizi alla persona Golgi-Redaelli, che opera nel settore dell’assistenza geriatrica.

Le visite guidate porteranno a conoscere la storia e l’evoluzione dell’edificio attraverso i suoi cortili, lo scalone d’onore, la Quadreria e la terrazza. Al piano terra  è liberamente visitabile l’atrio dell’Archivio Storico, che ospita una mostra documentaria sul tema dei ricoveri notturni a Milano tra Otto e Novecento.

La visita si inserisce nel progetto Milano attraverso. Persone e luoghi che trasformano la città”, di cui fa parte anche la Casa del Sole al Parco Trotter e Casa dell’Accoglienza Jannacci.

Sabato pomeriggio ci sarà infine un momento di sketchmob, a numero chiuso, per disegnare il cortile e il glicine in fiore.
Visite:
Sabato: ore 10.30; 11.30; 12.30
Domenica: ore 10.30; 11.30; 12.30; 15.00; 16.00; 17.00 

Visitatori: massimo 20 persone per ogni gruppo.

Durata visita: 40′

Sestiere: Porta Ticinese
Via Olmetto 6
Sabato 10.00-18.00
Domenica 10.00 - 18.00
3/12/14/27
M3 MISSORI
Accesso libero