Fondazione Guido Lodovico Luzzatto

G. BELOTTI | S. INVERNIZZI |A. BORASCHI, con interventi di A. e G. POMODORO, (1958-60)

(1987-1920 Progettazione ampliamento villino)

La casa con giardino dello storico e critico dell’arte Guido Lodovico Luzzatto (1903-1990), oggi sede della
Fondazione a lui intitolata, è uno dei più suggestivi luoghi nascosti di Milano.

Attraverso la memoria dei suoi interni, rimasti immutati nel tempo nella loro distintiva stratificazione di arredi, opere d’arte, libri, fotografie, manoscritti, restituisce parte della storia della borghesia intellettuale e cosmopolita dell’Italia del Novecento.
Il villino d’epoca liberty, ampliato nel 1920, occupa il medesimo lotto su cui alla fine degli anni ’50 sorse il Condominio firmato Giandomenico Belotti, Sergio Invernizzi e Achille Boraschi: interessante esempio di sintesi delle arti il cui rigoroso scheletro in cemento armato dialoga con i partiti decorativi ad opera di Arnaldo e Giò Pomodoro.

Durata visite: 30′, visite ogni mezz’ora a partire dalle 14.30

Visitatori: 15 persone per visita

Nota: per gli abbonati Corriere della Sera, sabato 13 maggio accesso prioritario per la visita delle h. 14.30

Sestiere: Porta Comasina
Via Canova 7
Sabato 14.00 - 18.00
Domenica 14.00 -18.00
M1 Cadorna; M5 Domodossola
1, 10, 19, 27
61
Accesso libero